TRA I MILLENIALS SPOPOLA L’APERITIVO 4.0

taking photo at breakfast on table

MONSUMMANO TERME. Tra i nativi digitali trionfa la formula dell’aperitivo 4.0. Foto ai cocktail consumati, ma anche app e tutorial che spiegano come prepararlo anche tra le mura domestiche. Digitando la parola “aperitivo” su Instagram compaiono più di 2 milioni di immagini, mentre su Youtube appaiono circa 344.000 risultati. In effetti il 53% degli under 35 non rinuncia a condividere sui profili social foto e video di cocktail preparati (64%), abbinamenti con appetizer o stuzzichini (59%) oppure dei partecipanti intenti a brindare (48%). Questo perché l’aperitivo è tra i momenti preferiti dai più giovani, considerato come l’ideale per accontentare i gusti di tutti gli amici (76%), perfetto per socializzare senza una spesa eccessiva (64%) e occasione giusta per rilassarsi (58%).

PIATTI SEMPLICI. Il grande vantaggio dell’aperitivo sta nel poter consumare piatti semplici (63%) e la modalità preferita per organizzarlo risulta essere la rete: in primis attraverso chat istantanee attraverso lo smartphone (72%), oppure via sms (65%). Qual è il ‘menù’ preferito? Fra gli aperitivi preferiti dai millennials, sia che lo si consumi a casa che in un locale, in cima alle pietanze più richieste spiccano bruschette (72%), pizzette e focacce (68%), verdure fresche o sottolio preparate con condimenti a base di salse leggere (53%), affettati (47%), pasta fredda (42%) ed insalate di riso (36%).

MILLENIALS. Per il 53% dei millennials l’aperitivo rappresenta il momento della giornata nel quale ci si può rilassare e concedere anche solo mezz’ora di spensieratezza. Anche se si tratta di una tendenza in auge da parecchi anni, nel corso del tempo ne sono però cambiate le modalità. Un buon 22% di loro infatti afferma di preferire l’aperitivo fatto in casa, vedendone vantaggi che quello fatto in un locale non offre. Generalmente per la possibilità di rilassarsi in un posto tranquillo dove poter invitare chi si vuole (64%).

SCATTI SOCIAL. Una volta stabiliti location, partecipanti e menù, arriva il momento dello scatto social: che si tratti di una bevanda analcolica o alcolica (64%), oppure di un piatto (59%), la parola d’ordine è ‘sharing’. Una tendenza a cui 1 millenial su 2 non resiste, tanto da mettere in piedi delle vere e proprie gare a suon di followers e fans. Tra i social, Facebook (58%) batte Instagram (39%); ma chi sono i più 2.0? Le rappresentanti del gentil sesso (48%) battono gli uomini (42%), che non resistono nel postare immagini e video, creare pagine tematiche o visitare pagine di bartender dove trarre ispirazione sui cocktail da preparare a casa con le proprie mani.

IL PARERE DELL’ESPERTA. “Nel sistema alimentare c’è una forte tendenza alla destrutturazione del pasto, vengono abbandonati pranzi e cene in favore di piccoli spuntini. Sostituire il pasto principale con l’aperitivo va in questa direzione  – afferma la sociologa Roberta Sassatelli – . Questo perché si cucina molto di più per occasioni particolari, mentre per la quotidianità si cerca di fare pasti più piccoli e suddivisi durante il giorno. In passato si usava mangiare primo e secondo mentre al giorno d’oggi di usa mangiare tutto in piatto unico. L’aperitivo è diventato un occasione di socialità, che viene fatto con gli amici e non legato per forza alla famiglia”.

*condotto mediante metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1.200 Italiani tra i 18 e i 38 anni attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community per capire il rapporto dei millennials con il cibo.

Credits: Fotolia